Blog

Dall’Ungheria alla periferia romana: lo ‘storico’ dentista di Tor de Cenci premiato dal governo ungherese

Le periferie di Roma, dimenticate, in parte abbandonate, lontane dai luoghi del potere… eppure tanto piene di vita. Il nostro reportage inizia qui, nelle periferie dimenticate della città, quartieri popolosi in cui vive la maggior parte della cittadinanza romana e in cui la realtà mostra il suo volto fiero, a partire dalle belle iniziative che ospita e dai personaggi importanti per le comunità che vi abitano. E allora capita che il cittadino romano non sappia che il dentista “storico” di Tor de’ Cenci ha ottenuto un’altissima onorificenza dalle mani dell’ambasciatore in Italia della Repubblica d’Ungheria sabato scorso nella Chiesa degli Ungheresi, la Chiesa di Santo Stefano Rotondo. Capita che non lo sappia nemmeno la comunità municipale e tantomeno l’ente di prossimità. E così ci piace richiedere a viva voce al municipio un impegno pubblico in questo senso. Il Dott. Aniko Rabi, da moltissimi anni nel nostro Paese, rappresenta l’orgoglio della sua comunità e anche della nostra, perché si è laureato qui ed ha deciso qui di vivere, adoperandosi peraltro in modo generoso per le persone indigenti. Ed è stata una cerimonia toccante, quella di sabato, tutta in lingua ungherese, la lingua di un popolo fiero, la

lingua del magistrale poeta Sandor PetoImmaginefi, i cui testi forse potrebbero esser appannaggio anche dei nostri studenti. D’altronde l’Ungheria nell’Ottocento insieme alla Polonia e alla nostra Italia ha rappresentato, a detta di molti storici, la spinta rivoluzionaria meglio di qualunque altro popolo, a significare la prossimità della nostra storia patria con quella ungherese. E la bandiera nazionale ha sventolato più e più volte dentro la Chiesa, animata dall’applauso all’unisono dell’intera comunità. Ecco, a questa storia manca solo una chiosa, forse un po’ velata di amarezza ma anche tanto speranzosa. Per una volta, vogliano il Comune di Roma e il Municipio farsi portatori della necessità di guardare alle singole storie prestigiose che hanno sotto i loro piedi e decidere così di rendere un ringraziamento sincero a chi ha tanto lavorato per il nostro Paese e per la nostra città provenendo da un’origine completamente diversa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...