Blog

Cani liberi accuditi: il punto sulla situazione nella capitale

i-837-rm-roma-lago-eurMetti un bel cane meticcio, metti la generosità delle persone e metti anche un quartiere che diventa una casa. Sono queste le coordinate che fanno da scorcio alla storia di Ciccio, bell’esemplare di pastore tedesco che nell’estate di due anni fa commosse la cittadinanza dell’Eur rendendolo un cane libero accudito. La sua storia è quella comune a tanti cani che si incontrano nelle strade di Roma e che, grazie ai cittadini vedono una via alternativa a quella del canile. La prima volta Ciccio lo si era visto gironzolare nel parco del ninfeo e da lì, grazie alla generosità di tanti cittadini e commercianti per lui si provvedeva a ciotole d’acqua, al cibo e ad un rapporto diverso con gli umani. Addirittura c’era chi aveva pensato anche a costruirgli una cuccia che Ciccio però non aveva gradito troppo. Ed è comunque questo il metodo per il quale si può ricorrere alla procedure di riconoscimento di cane libero accudito. In particolare per il responsabile dell’animale si tratta di garantire il sostentamento, la sterilizzazione e la microchippatura. In questo modo si sta procedendo ad abbattere la lista degli animali randagi da sterilizzare. La procedura del cane libero accudito è stata istituzionalizzata dal Comune di Roma nel regolamento diritto animali. Gli ultimi dati sono quelli che risalgono al 2008 e trattano di circa 700 esemplari curati nelle strade di Roma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...