Blog

Il Quadraro difende la sua arte di strada dai raid dei vandali

indexIl Quadraro difende la sua arte di strada. Dei venti murales che caratterizzano il quartiere medaglia d’oro della Resistenza, ben sei sono stati danneggiati da ignoti nelle notti scorse. Ma i cittadini non ci stanno e in questi giorni in tanti hanno testimoniato la loro solidarietà a David Vecchiato, curatore del progetto “M.U.Ro.”, ovvero Museo di Urban Art di Roma,  dichiarandosi pronti a difendere le opere. “Il Quadraro ama i suoi murales – ha sottolineato Vecchiato – La prima notte sono andato con alcune persone del quartiere che mi hanno avvisato e sono riuscito a cancellare le scritte che avevano vandalizzato la prima opera. Poi successivamente non è stato possibile capire dove e quando colpissero i vandali. Ma la cittadinanza ha reagito subito. Si è svolta una riunione spontanea all’interno della quale i partecipanti si sono detti disponibili a chiedere  al Sindaco di riconoscere il pregio delle opere e di proteggerle.” Il progetto “M.U.Ro.” è nato nel 2010 ed è un progetto di museo a cielo aperto, pubblico e gratuito che nasce dal basso, ovvero non è imposto ai cittadini e al territorio da amministratori, curatori, finanziatori, sponsor o altri. Tutte le opere sono state discusse con i rappresentanti dei comitati di quartiere e coi cittadini stessi e ciò traspare proprio ora, ovvero nel momento in cui esse rischiano di essere cancellate per sempre.

rione-quadraroI murales coinvolti nel raid sono in particolare quelli di via dei Lentuli, quello del giardino dei ciliegi e quello della cabina ACEA di Largo dei Quintili. “E’ un momento particolare – ha aggiunto Vecchiato – ed è molto interessante a livello sociologico perché dimostra che il Muro è diventato parte del quartiere e che soprattutto per i cittadini lo ha arricchito. Certo come artista per me è normale che ciò accada ma come cittadino mi dispiace. Come curatore del progetto mi viene da pormi domande e questioni specifiche”.  Ma una cosa è certa: il Quadraro è pronto ad una battaglia serrata per difendere la propria arte di strada e questo conferma ancora una volta la sua identità di quartiere resistente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...