Cronaca

Appello di Italia Nostra contro il piano casa Zingaretti

‘Col piano casa Zingaretti, Testaccio, Garbatella, Prati e Trieste, non saranno più gli stessi’, questo in sintesi il titolo dell’appello formulato da Italia Nostra ai consiglieri regionali per un ripensamento della proposta. Domani al Consiglio Regionale Lazio alle ore 14.00 sono previste le votazioni sugli emendamenti sul Piano Casa proposto dalla Giunta Zingaretti e l’associazione guidata da Carlo Ripa di Meana annuncia battaglia. ‘La speranza era quella che modificasse in modo sostanziale il Piano Casa della Giunta Polverini – si legge in una nota dell’associazione – che cancellava addirittura le tutele paesaggistiche della Regione tanto che il Ministro dei Beni culturali intervenne presso la Corte Costituzionale. Allora tutti i partiti dell’attuale maggioranza intervennero con dichiarazioni indignate su tutti gli articoli che stravolgevano il testo precedente. La Giunta Zingaretti, invece di riconfermare la legge della Giunta Marrazzo, ha eliminato gli articoli contestati dallo Stato, ma ha fatto proprie molte decisioni della Polverini peggiorando addirittura alcuni articoli, come ad esempio quello che permette di applicare premi di cubatura anche agli edifici ancora da costruire. Il Lazio è l’unica Regione che permette questa possibilità. Con questo Piano, se non viene modificato, i Piani Regolatori, non contano più, ma fatto ancora più grave non contano più i Consigli comunali e tanto meno contano i cittadini che vedranno demolire e sorgere nei loro quartieri e in adiacenza alle loro abitazioni cubature molto più invasive di prima senza avere alcuna possibilità di potere intervenire. Per Italia Nostra Roma che da anni si è mobilitata per riuscire a tutelare i bei villini novecenteschi dei quartieri di Prati, Nomentano, Trieste e gli edifici di pregio ( anche se purtroppo non vincolati) di Garbatella e Testaccio considera una vero e proprio scempio inaccettabile permetterne la loro demolizione o modifica sostanziale. Nella audizione nella commissione regionale Italia Nostra aveva chiesto di non permettere l’applicazione del Piano in tutti i quartieri della “città storica” che era stata tutelata dal Piano Regolatore. Purtroppo è rimasto il testo originario. Un altro fatto grave è quello che la Giunta Zingaretti vuole prorogare il termine del Piano che per la Giunta Polverini doveva aver fine il 31 gennaio 2015. Se questo dovesse avvenire sarebbe addirittura meglio non votare più il Piano Zingaretti e lasciare finire a gennaio prossimo i danni già provocati dal piano vigente. E’ chiaramente una richiesta provocatoria, ma la delusione è tanta nel vedere proseguire quanto deciso dalla Giunta precedente da questa Giunta che aveva promesso in campagna elettorale un deciso cambiamento rispetto al passato con maggiori tutele per il territorio e la vita dei cittadini nei loro quartieri. Italia Nostra Roma spera che, – conclude la nota – con questo ultimo appello a tutti i consiglieri regionali che domani cominceranno a votare gli emendamenti, si riesca ad ottenere la modifica degli articoli più contestati.’

20140923-160545.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...