Blog

IL NUOVO STADIO DELLA LAZIO E CUBATURE: PER ITALIA NOSTRA E’ NIET!

area ansa del Tevere a Prima Porta-1E’ irricevibile per Italia Nostra il progetto del nuovo stadio della Lazio. E mentre per lo stadio della Roma si sta profilando una settimana importante con le commissioni convocate, per lo stadio della Lazio ancora non e’ dato sapere nulla. ‘Tutta la valle del Tevere, intesa come piana alluvionale, da ponte Milvio fino ai confini regionali, è totalmente vincolata dalla Regione fin dal 1985, con vincolo paesaggistico. – e’ quanto fanno sapere dall’associazione – Una tutela assolutamente necessaria, anzi, semmai da rafforzare: se è vero, infatti, che l’agro romano – dopo decenni di dissennata cementificazione – dovrebbe oggi essere considerato come un’area intoccabile, a maggior ragione questo vale per la piana alluvionale del Tevere, specie nelle vicinanze di Roma, poiché essa è un elemento fondamentale della composizione morfologico-paesaggistica che caratterizza l’intera area metropolitana di Roma. E questo perché ciò che rende unico e irripetibile il paesaggio di Roma è proprio la particolare contrapposizione tra i vivaci affacci di verdi colline e rupi sul corso del Tevere e la placida, piatta pianura sottostante attraversata dalle innumerevoli, serpeggianti anse del fiume. Piana alluvionale la cui bellezza è particolarmente posta in risalto lì dove le coltivazioni agricole non sono state violate dalle dilaganti urbanizzazioni, spesso realizzate con grave irresponsabilità e in non pochi casi abusive. Al vincolo paesaggistico si affianca poi il secondo vincolo, ancora più importante, quello idro-geologico, di cui è responsabile l’Autorità di bacino del Tevere, secondo la quale a nord della diga di Castel Giubileo (ove terminano gli argini del fiume inerenti l’area urbana della capitale) la piana alluvionale è considerata la cassa d’espansione delle piene fluviali, necessaria per salvare il centro storico di Roma da piene del Tevere di straordinaria portata. E che per questo deve dunque essere tutelata con rigore assoluto. Sembra incredibile – conclude l’associazione –  che si possano ancora proporre operazioni del genere dopo lo scandalo dei mondiali di nuoto (con la incongrua realizzazione di 100 mila metri cubi di edificazione all’interno del Salaria Sport Village, in area alluvionale, grazie alle deplorevoli deroghe dei mondiali di nuoto) e mentre ogni giorno nel nostro paese si denuncia, giustamente, lo scandalo dell’emergenza idro-geologica, con il continuo susseguirsi di catastrofi, vittime e danni di ogni genere la cui causa prima è l’incuria, l’irresponsabilità, il non rispetto delle leggi e del buon senso e i mancati investimenti in prevenzione e cura del territorio.’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...