Blog

Indagine CAM: Pedetti innocente in attesa di giudizio.

“Sono abbastanza sereno, non avrò nessun problema a dimostrare che sono estraneo ai fatti contestati. Tra l’altro, si fa riferimento a una fase storica in cui io non ero neanche consigliere comunale – ha esordito stamane così Pierpaolo Pedetti, presidente della commissione Patrimonio di Roma Capitale, in merito alla sua iscrizione nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Roma sugli appalti per i parcheggi dei mercati rionali. A Pedetti e’ stato ascritto di aver favorito la società CAM del costruttore Angelo Marinelli, per l’aggiudicazione degli appalti per la riqualificazione dei mercati rionali e degli annessi parcheggi, ricompresi nella delibera 155/2005 votata dal consiglio comunale in era Veltroni, un momento storico in cui il consigliere non aveva alcun incarico. stessa identica situazione per quanto attiene il periodo di redazione della convenzione stipulata in data 8 giugno 2007, nonché l’ambito temporale compreso tra il 2012 e il 2013 in cui ancora era operativa la consigliatura Alemanno ed il consigliere non aveva incarichi istituzionali in quanto ancora non eletto. Da quanto appreso, l’iscrizione nel registro degli indagati si riferirebbe all’atto stabilito con due verbali di commissione all’interno delle quali si sarebbe decisa l’esecuzione di opere pubbliche in ottemperanza a quanto stabilito con la convenzione ma su sito differente. In particolare la commissione ha deciso, su richiesta del municipio e dei comitati di quartiere, di dare mandato all’assessore al patrimonio di porre in essere le procedure per la realizzazione di opere di manutenzione straordinaria della scuola comunale Randaccio di via Pollio anziché la sede AMA di via Rivisondoli. Un indirizzo politico dunque e non amministrativo avallato dalla risoluzione municipale e dalle richieste della cittadinanza. Un indirizzo pronto a sbloccare opere pubbliche. “Sempre per la massima chiarezza nell’atto di indirizzo – ha detto Pedetti – si dà mandato nero su bianco alla Giunta di far realizzare celermente le opere di valore spostando le somme ‘originariamente’ previste”. Quindi, conclude, “a prescindere dal fatto che le commissioni hanno competenze di indirizzo e controllo, e non di gestione, lo stesso atto di indirizzo dà in modo chiaro, inequivocabile ed esplicito, mandato agli uffici a realizzare quelle opere evitando qualsiasi favoritismo. Ribadisco inoltre la piena fiducia nel lavoro della magistratura e sono convinto che dimostrerò la mia totale estraneità alla vicenda”

20141008-180739.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...