Blog

Sblocca Italia: ambientalisti contro

 

imagesSblocca Italia: Italia Nostra e gli ambientalisti in mobilitazione.  All’Hotel Nazionale in piazza di Montecitorio si riunisce il Gotha delle organizzazioni di tutela ambientale CTS – ENPA – FAI – Greenpeace – Italia Nostra – Legambiente – LIPU – Mountain Wilderness – Pro Natura – Salviamo il Paesaggio – Touring Club Italiano – WWF pornte a presentare rilievi e proposte a un testo che, ispirato al mantra della “semplificazione” e della “lotta alla burocrazia”, sembra rispondere alla sola e unica logica dell’abolizione/riduzione generalizzata di procedure di controllo. La giornata di studio e confronto precede infatti la due giorni di massiccia mobilitazione organizzata dalle associazioni locali e nazionali di fronte al Parlamento. Dal Nord al Sud, le associazioni che si occupano di tutela del territorio hanno deciso di far sentire le loro critiche sul provvedimento ai parlamentari romani. Al centro del contendere vi e’ infatti il meccanismo previsto nello “Sblocca Italia”, che trasforma la deroga in regola. Un meccanismo “grave  – fanno sapere dall’associazione Italia Nostra – perché equivale a un condono perpetuo e rischia di portare il nostro Paese, ancora una volta, nella spirale del consumo sfrenato del territorio, delle risorse naturali, della biodiversità contraddicendo anche le norme comunitarie che richiedono, invece, la centralità dello sviluppo sostenibile. Con il pretesto della rapidità lo “Sblocca Italia” non fa che bypassare le pratiche di pianificazione paesaggistica e territoriale. Ogni scelta converge su un decisore unico, si annullano le verifiche democratiche (processi partecipativi non solo dei cittadini, ma anche di enti locali e Regioni), si opacizzano i passaggi e si ricorre alla costante rimozione di ogni verifica e controllo giungendo ad introdurre, in modo generalizzato, il silenzio assenso del MIBACT”. Il decreto che rischia di diventare Legge della Repubblica senza dibattito parlamentare, vede annullata l’archeologia preventiva e riduce la funzione del MIBACT a quella di mero osservatore. All’incontro con le associazioni ambientaliste e animaliste, introdotto dal Presidente nazionale di Italia Nostra Marco Parini, dal Costituzionalista Paolo Maddalena e da Nicola Caracciolo, sono stati invitati tutti i gruppi parlamentari. Un invito ad ascoltare le ragioni di chi difende da sempre il nostro territorio e Paesaggio e partecipare al dibattito in un confronto diretto. Italia Nostra di fronte alla gravità del provvedimento, ha organizzato questo spazio di dibattito sulla tutela ambientale e sulla necessità di annullare lo “Sblocca Italia” rivedendolo integralmente nell’impostazione. “E’ importante  – ha concluso l’associazione – ripensare il decreto in un’ottica che rilanci l’occupazione anche e soprattutto attraverso quell’opera – urgentissima e indispensabile – di manutenzione territoriale e riqualificazione urbana da troppo tempo rimandata e la cui mancanza è causa di gravissimi danni economici e sociali, oltre che ambientali e culturali. Genova docet!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...