Blog

Teatro Antigone: si inaugura la stagione con “Poi l’amore che cos’e'”. Intervista a Sasa’ Russo

unnamedNella calorosa cornice del teatro Antigone di Roma, ieri sera ha debuttato il nuovo spettacolo della Compagnia Teatrale Iposcenio dal titolo accattivante “Ma poi l’amore che cos’e’?”. Una commedia scritta e diretta da Sasà Russo che ancora una volta torna a parlare d’amore e lo fa a modo suo, con il giusto distacco,  una punta di scetticismo e tante tante domande…una fra tutte, quella che da’ proprio il titolo allo spettacolo.  Come lui stesso ha dichiarato: “Questo quesito almeno una volta nella vita ce lo siamo posto tutti quanti, quelli che amano e sono felici, quelli che ci credono ma non hanno ancora trovato la giusta opportunità e infine quelli che non ci credono più…ma non hanno definitivamente chiuso la porta”
Sul palco dell’Antigone un cast omogeneo che a colpi di battute esilaranti ha dominato la scena. Silvia Ferrari, Claudia Alfonsi, Stefano Flamia e Lorenzo Controni, quattro giovani attori che compongono l’ottima compagine di questo spettacolo all’insegna del piu scoppiettante dei sentimenti, l’amore. Mai volgari e banali, i protagonisti hanno reso la commedia di Sasà Russo sempre molto coinvolgente fino a rendere il pubblico, il vero e reale protagonista della serata. Abbiamo rivolto qualche domanda all’autore per evidenziare le peculiarita’ di questo lavoro.


Sasà com’è nata l’idea di questa commedia?
“È il frutto di tante esperienze raccolte qua e la tra gli amici e i conoscenti che…per quanto diverse, tutte paradossalmente con la stessa impronta.  Non potevo lasciarle scivolare così come se niente fosse e quindi li ho raggruppate tutte, ho provato a dare loro un filo conduttore e poi ho scritto il testo. Una volta fatto ciò, avevo bisogno di un cast attoriale che sposasse a pieno la storia di ogni singolo personaggio e così dopo tanti provini sono arrivato ad una scelta finale. Una scelta a tratti sofferta, non estremamente semplice ma alla fine azzeccatissima. Sono davvero orgoglioso di loro e del valore aggiunto che hanno fornito allo spettacolo.  Possono sembrare parole grosse ma io sono così,  nel bene e nel male…manifesto sempre quello che penso, senza riserve e senza paura!”

Ci sai spiegare le ragioni di questo finale scoppiettante?

“Ho preferito lasciare le sorti del cosiddetto giusto finale solo ed esclusivamente al pubblico cosicché si potesse generare un confronto diretto tra noi e loro che in qualche modo potesse raccogliere tutti i punti di vista e dare vita al finale della commedia che sera dopo sera sarà o potrebbe essere sempre diverso”.

Con questo spettacolo si apre la stagione teatrale Iposcenio,  quale saranno i prossimi appuntamenti?

“In programma ci sono altri spettacoli fino ad aprile 2015, poi una nuova rassegna teatrale,  le scuole e delle belle collaborazioni…anche di beneficenza.  Nell’immediato futuro, curerò la regia di uno spettacolo scritto dal mio amico Riccardo Greco dal titolo “nihil” che il primo dicembre 2014, per volere dei direttori artistici del Teatro Antigone Biaca Silverio e Silvia Maccari, porteremo in scena in memoria di Riccardo nel giorno del suo compleanno. Uno spettacolo che sarà di beneficenza ma anche di sano ricordo. Poi per tutti i prossimi appuntamenti della Compagnia Iposcenio, basterà collegarsi al sito della compagnia.

 

Tutti i  dettagli dello  spettacolo sul  sito  della compagnia (http://compagniateatraleiposcenio.oneminutesite.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...