Blog

Abbattimenti alberi a Capocotta: sopralluogo del corpo forestale dello Stato

capocotta_taglio3 Taglio alberi Bosco di Capocotta: interviene la Forestale. E’ quanto comunica l’associazione Italia Nostra – sezione di Roma – in una nota diffusa a mezzo stampa. “L’Ente Roma Natura per merito del suo primo Consiglio Direttivo e del suo bravo Presidente Ivan Novelli riuscì a fare istituire nella sua sede di Villa Mazzanti una Stazione distaccata del Corpo Forestale proprio perché collaborasse strettamente con il Consiglio Direttivo specie per i controlli sugli eventuali abusi che riguardavano i Parchi e le Riserve naturali regionali di Roma.  – ha scritto Italia nostra  – Italia Nostra Roma vuole ricordare oggi il primo Comandante forestale della Stazione, Maria Rosaria Loreti per il suo importante impegno. E’di oggi la notizia che il Corpo Forestale farà un sopraluogo nella Macchia di Capocotta per constatare quanto è stato tagliato e per verificare tutto l’iter del nulla osta rilasciato dai tecnici dell’Ente Roma Natura. E’ incredibile che l’attuale Commissario straordinario non abbia chiesto subito l’intervento della Stazione dopo le prime denunce. Il primo Consiglio Direttivo dell’Ente Roma Natura è stato un esempio di come si possono gestire le Aree Protette regionali con efficienza e professionalità. Le nomine furono fatte su specifici curricula che dovevano dimostrare particolare competenza in materia ambientale ed inoltre anche la documentazione di attività svolte sul territorio. Erano presenti due membri delle Associazioni ambientaliste scelti attraverso la segnalazione dei Comitati romani che avevano per anni manifestato per ottenere il Sistema dei Parchi regionali di Roma. l Consiglio Direttivo, durante il suo mandato ha prodotto tutti i Piani d’Assetto delle Aree Protette elaborati chiamando i maggiori esperti in campo ambientale da Vittoria Calzolari (beni culturali e paesaggio), Carlo Blasi (flora e vegetazione), Renato Funiciello (geolitologia), Giuseppe Cappelli (idrogeologia). Tutti i Piani, prima di essere approvati, sono stati illustrati in assemblee pubbliche sui loro territori e sono state chieste le osservazioni ai cittadini. Sono stati poi inviati già controdedotti alla Regione per essere approvati dal Consiglio regionale. Alcuni aspettano ancora il voto definitivo. Il Consiglio Direttivo ha aperto le uniche Case del Parco esistenti, è intervenuto con osservazioni sulle procedure della VIA ( importante il parere negativo espresso sul Corridoio Roma – Latina che distruggerà gran parte della Riserva Decima-Malafede). Il Presidente dell’Ente ed i suoi membri hanno dimostrato la loro autonomia verso le forti pressioni politiche da qualsiasi parte venissero considerando prioritario l’interesse pubblico di tutelare il patrimonio ambientale della città. Dopo quel primo Consiglio Direttivo si sono man mano modificate le regole delle nomine che non hanno più considerato essenziali nei curricula i veri requisiti necessari a gestire i valori ambientali e culturali, ma si sono privilegiati altri interessi fino ad arrivare a cancellare tutti i Consigli Direttivi con la Giunta Polverini nominando Commissari più controllabili e gestibili come ha proseguito poi la Giunta Zingaretti cambiando solo le persone. Roma, invece – ha concluso la nota – ha bisogno che venga riconfermato il suo Ente Roma Natura riprendendo l’esempio virtuoso del primo Consiglio Direttivo per ridare finalmente valore e partecipazione ai suoi Parchi e alle sue Aree protette regionali”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...