Blog

L’OSTELLO DELLA GIOVENTU’ AL SANTA MARIA DELLA PIETA’ E’ UNA DECISIONE DOVUTA E URGENTE

angelo
Sull’ostello della gioventu’ al Santa Maria dell Pieta’, Italia Nostra rivolge un appello accorato a Zingaretti. “Il Consiglio comunale della prima Giunta Rutelli utilizzò parte del finanziamento per le strutture ricettive da aprire per il Giubileo del 2000 per ristrutturare alcuni padiglioni dell’ ex manicomio di S. Maria della Pietà per dotare la città del suo primo Ostello della Gioventù e aprì anche il bel parco a tutti i cittadini. Il Consiglio comunale impegnò quella somma con l’obbligo che la destinazione a Ostello dovesse rimanere anche dopo il Giubileo. La direzione della ASL di allora e anche le seguenti non hanno rispettato quanto prescritto e hanno utilizzato gli edifici per altri scopi. E’ tempo, dopo ben 15 anni, di pretendere il rispetto di quella decisione del Consiglio comunale visto, tra l’altro, che Roma, nel frattempo, ha perso anche l’Ostello che si era ottenuto nella foresteria del Foro Italico. Italia Nostra Roma da sempre ha chiesto a tutte le istituzioni di riaprire ambedue queste strutture denunciando la vergognosa situazione di una Capitale che non offriva nessun ostello mentre Parigi ne ha numerosi da 16/20 euro in su, alla portata delle esigenze economiche di giovani studenti saccopelisti o delle famiglie a basso reddito. Anche il Municipio Roma 14, competente per territorio, chiede, insieme alle forze sociali del territorio, di rompere gli indugi e decidere subito per l’ostello a S. Maria della Pietà. Circa due settimane fa è avvenuto un sopralluogo all’ex Manicomio del nuovo direttore regionale della Asl Rm/E, Angelo Tanese che ha parlato di “riqualificazione del Santa Maria della Pietà”- Gli suggeriamo di cominciare subito dalla riapertura dell’Ostello e dalla manutenzione del parco. Gli chiediamo, inoltre, di coinvolgere sulle future decisioni la cittadinanza ed in particolare la nostra Associazione che – essendo il complesso un Bene culturale di grande valore architettonico, storico ed ambientale – da tempo chiede un piano unitario che rispetti la destinazione a “Centralità culturale” senza nuovo cemento ottenuta nel Piano regolatore. Italia Nostra Roma è sicura che certamente non vi sarà alcun tentativo di proporre che alcuni padiglioni vengano destinati ad ospitare una Rems (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza detentive) né nessun altro tipo di progetto che riporti nel complesso i tristissimi ricordi dell’ex manicomio. Partendo dall’Ostello, che tra l’altro si può collegare al tracciato della via Francigena, si apra il S.Maria della Pietà ad altre strutture al servizio dei giovani, strutture oggi inesistenti nel territorio.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...