Blog

Entro due anni taglio del nastro per la citta’ delle arti all’ex mattatoio

2015481556dl“La Città delle Arti dell’ex Mattatoio di Testaccio sarà ultimata entro due anni”. E’ questo l’annuncio effettuato stamane dall’assessore comunale all’urbanistica Giovanni Caudo nel corso della visita alla facoltà di architettura dell’università di Roma Tre, sorta nel 1992 proprio nell’area dell’ex mattatoio. “La visita è servita a definire quelle parti del progetto che devono essere ultimate per completarne il disegno – spiega Caudo – Innanzitutto il trasferimento completo della facoltà di architettura con la collocazione, nei padiglioni che affacciano sul Lungotevere, dei laboratori di architettura che attualmente si trovano nella sede di Madonna dei Monti”. I finanziamenti per il progetto, che prevede anche l’abbattimento del muro sul lato del Tevere e la realizzazione di una zona parcheggi, rientrano nell’accordo che il Ministero dell’Istruzione ha con l’università (circa 5 milioni all’anno), di cui verrà chiesta la proroga di tre anni. Intanto, la prossima settimana partiranno i lavori di riqualificazione dell’area centrale del mattatoio, dove sorgevano le cosiddette ‘rimessine’. “Al loro posto – illustra Caudo – arriverà una nuova piazza, con la rimozione dei sampietrini e la realizzazione di mense universitarie e spazi di ristorazione. L’intervento, al via la prossima settimana, avrà un costo complessivo di 13 milioni di euro”. Intanto, il Comune pensa a trasformare i padiglioni delle vecchie celle frigorifere in una residenza per studenti universitari da 100 posti letto. ‘L’idea – spiega ancora Caudo – è di partecipare come università a un bando ministeriale che uscirà a giugno per la realizzazione dello studentato ad ulteriore completamento del progetto di riqualificazione dell’area dell’ex Mattatoio”. “Entro l’estate, la delibera per la concessione approderà in assemblea capitolina”, dichiara la presidente Valeria Baglio. “Da parte nostra, siamo ben felici di concedere all’università l’utilizzo di uno spazio come questo, che costituisce un patrimonio per la città”, commenta l’assessore al patrimonio Alessandra Cattoi. Pronto il ‘via libera’ del ministro dell’istruzione Stefania Giannini, anche lei presente alla visita. “Questo progetto è un’opportunità per l’università ma anche per la città – commenta il ministro – Si potrà avere così un contesto condiviso di formazione e cultura ma anche di vita sociale che avrà al centro la cittadella delle arti. Restituire quest’area alla tradizione dei campus cittadini vivificherà il quartiere. Nello studentato si ricaveranno circa un centinaio di posti letto. Il cantiere dovrebbe durare due anni”. Così la trasformazione dell’ex mattatoio affronta la tappa conclusiva di un percorso che ha già visto la realizzazione di spazi come il Macro, la factory Pelanda e la Città dell’Altra economia. “Ora sotto con il resto del progetto, in due anni avremo finito”, ha concluso Caudo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...