Blog

Romexpo e Roma Fringe Festival: a castel Sant’Angelo dal 30 maggio al 5 luglio

82 spettacoli in concorso, 18 eventi speciali, e ancora green tecnology e il mercato dei popoli. Ecco le cifre del Rome Fringe festival ai giardini di Castel Sant’Angelo dal 30 maggio al 5 luglio. La manifestazione, interamente autofinanziata, e’ realizzata grazie ad un pool di collaborazioni poste in essere tra soggetti culturali e soggetti imprenditoriali. I biglietti per gli spettacoli, tutti a prezzi sociali, permettono l’affluenza ad un pubblico diversificato sia per classi di età che per interessi. Il gemellaggio con l’Expo  consentirà di trasformare i giardini di Castel Sant’Angelo in un’area internazionale animata dalle delegazioni estere in Italiani per l’Expo di Milano e per  l’Engineering sull’innovazione tecnologia. La collaborazione con le ambasciate renderà possibile l’attivazione di uno spazio-spettacolo interculturale aperto a tutte le etnie del mondo. “sono molto contenta che una manifestazione di respiro europeo come il Fringe festival sia capace di richiamare compagnie teatrali da tutto il mondo proprio qui nella cornice di Castel Sant’Angelo. Ritengo che averla spostata dalla periferia al centro sia stata un’azione molto importante per dare visibilità a questo evento – ha dichiarato la Presidente del Municipio Roma I, Sabrina Alfonsi – si tratta indubbiamente del mondo migliore per far di che uno dei luoghi più belli della nostra città, conosciuto in tutto il mondo e visitato ogni anno da migliaia di turisti, venga restituito alle romane e ai romani. La scelta di una location così importante non e’ stata casuale così come non è stata casuale la partecipazione di Romexpo alla realizzazione del Festival. Entrambe le circostanze stanno a sottolineare la vocazione internazionale della manifestazione”. E la vocazione internazionale del Festival e’ stata sottolineata anche da Rosanna Cicero, responsabile rapporti con l’estero Fiera di Roma, portando la voce di Armando Soldaini, Ceo di “Romexpo – Roma Fringe Festival”‘ impedito nella partecipazione ma in collegamento via video dalla Cina che ha definito il festival, ‘un vero prodotto per l’interconnessione dei linguaggi e della sperimentazione per capire meglio cosa c’è dietro l’angolo e per progettare al meglio il nostro futuro globale’. Romexpo e Roma Fringe Festival partecipano in larga misura alla creazione del distretto culturale del Municipio I. ‘Unire il clima internazionale con le realtà scientifiche e tecnologiche e’ stata un carta vincente – ha detto Andrea Valeri, assessore alla cultura del municipio I – il distretto culturale e’ una rete che pone insieme tutti gli attori della cultura che solo insieme, sono in grado di avere contatti con i privati per cui si premiano la capacità di attrarre offerte dal territorio. La scelta di Romexpo e’ assolutamente volontaria. Sia col Giubileo che con l’Expo avremo tutta una serie di progettualità e potremo connettere i flussi provenienti dagli utenti nel senso di una vocazione internazionale”

20150528-114304.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...