Blog

TTIP: La Commissione INTA vota il suo si e volta le spalle alle proteste dei cittadini europei

londraTTIP: La Commissione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo (INTA) ha dato il via libera al trattato. Con il si’ alla risoluzione Lange, un testo che legittima le peggiori preoccupazioni in merito al negoziato transatlantico, di fatto con una maggioranza piuttosto netta ha voltato le spalle alle proteste dei cittadini europei. La formulazione è stata approvata con 29 voti favorevoli, 10 contrari e 2 astenuti. La voce dell’opinione pubblica è stata completamente ignorata dalla maggioranza degli europarlamentari riuniti nel voto: in particolare, socialdemocratici e popolari hanno raggiunto un accordo che rilancia l’inclusione di una clausola ISDS nell’accordo USA-UE sul commercio e gli investimenti, anche dopo che quasi 150 mila persone avevano espresso il proprio dissenso in una consultazione pubblica terminata nel 2014. “Tutto ciò che la Commissione INTA ha saputo fare, è dare credito a una proposta di riforma dell’arbitrato internazionale diffusa dal Commissario al Commercio, Cecilia Malmström, lo scorso 7 maggio. Una riforma che è tale soltanto all’apparenza, ma che lascia sostanzialmente intonso l’opaco e antidemocratico sistema di privilegi di cui potranno godere le imprese quando citeranno uno Stato in giudizio per aver minato i loro profitti con norme a tutela dei cittadini – fanno sapere da Stop TTIP Italia – Il voto di socialdemocratici e popolari ha impedito di sollevare le dovute obiezioni anche al meccanismo della cooperazione regolatoria, che inciderebbe pesantemente sulla discrezionalità degli Stati membri di legiferare nel pubblico interesse creando un organo permanente sovranazionale. In definitiva, il voto odierno dei deputati europei rappresenta un lasciapassare che regala margini d’azione inesplorati alle lobby industriali, con conseguenze potenzialmente catastrofiche per la vita quotidiana dei cittadini dell’Unione: se passasse questa linea, i governi avrebbero gravi difficoltà a tutelare settori come quello della chimica, dell’agroalimentare, del lavoro, dei servizi pubblici e della finanza. “Quasi 2 milioni di cittadini in Europa hanno firmato la petizione comunitaria per fermare il negoziato sul TTIP, un’adesione massiva che testimonia una crescente volontà di far sentire la propria voce ma questa voce oggi è stata ignorata – ha commentato Elena Mazzoni, coordinatrice della Campagna Stop TTIP Italia – Il voto di oggi non tiene conto dei cittadini e della democrazia. Si è scelto di difendere unicamente gli interessi delle grandi multinazionali ma noi continueremo ad esercitare pressione affinché i diritti prevalgano sulla logica del profitto”. Il 10 giugno la risoluzione Lange passerà al vaglio del Parlamento Europeo, che si esprimerà in plenaria in quello che sarà l’unico momento di questo processo negoziale nel quale le istanze dell’elettorato potrebbero essere promosse a livello istituzionale. All’assemblea elettiva dell’Unione, dopo questo passaggio, spetterà soltanto un’ulteriore pronunciamento: un mero prendere o lasciare sul testo finale del TTIP, senza possibilità di emendamento. Conclude Monica Di Sisto, tra i portavoce della campagna italiana: “Il patto scellerato tra social democratici e popolari, le larghe intese, ha portato a violare la volontà dei cittadini che con forza si erano espressi contro l’ ISDS e il Trattato in generale. Questo pessimo lavoro fatto oggi dalla Commissione INTA non ci ferma, anzi, chiediamo un impegno maggiore per far sentire la nostra contrarietà nel voto decisivo che ci sarà il 10 giugno in plenaria”. Ecco chi ha votato cosa, favorevoli e contrari. Di seguito, chi ha votato a favore, ovvero i deputati di ALDE, ECR, PPE, S&D: Dita Charanzová, Marietje Schaake, Cecilia Wikström, Marielle de Sarnez, Sander Loones, Emma McClarkin, Evžen Tošenovský, Daniel Caspary, Christofer Fjellner, Seán Kelly, Gabriel Mato, Artis Pabriks, Franck Proust, Godelieve Quisthoudt Rowohl, Tokia Saïfi, Adam Szejnfeld, Adina-Ioana Vălean, Jarosław Wałęsa, Iuliu Winkler, Goffredo Maria Bettini, Theresa Griffin, Jude Kirton Darling, Bernd Lange, Jörg Leichtfried, David Martin, Alessia Maria Mosca, Inmaculada Rodríguez Piñero Fernández, Joachim Schuster Chi ha votato contro, i 13 di ECR, EFDD, GUE/NGL, NI Joachim Starbatty, Tiziana Beghin, David Borrelli, Eleonora Forenza, AnneMarie Mineur, Helmut Scholz, Georgios Epitideios, Matteo Salvini, Emmanuel Maurel (S&D), Yannick Jadot, Ska Keller, William (The Earl of) Dartmouth, Franz Obermayr.

http://www.stop-ttip-italia.net

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...