Blog

Migliore sbarca sotto il Vesuvio lasciando i circoli del VI municipio in subbuglio

gennaro miglioreMigliore da Tor Bella Monaca rientra a Napoli col PD lasciando macerie dietro il suo cammino. Il Pd del VI Municipio e’ in subbuglio con i segretari dei circoli locali (Torre Spaccata – Tor Bella Monaca – Breda e Finocchio Borghesiana) sul piede di guerra che si rivolgono alla Commissione Regionale di Garanzia per una valutazione del comportamento, definitivo “autoritario, discriminatorio e scorretto” del Subcommissario e del Commissario Orifini. In sostanza,  per Migliore meglio un ritorno alle origini. Dopo le polemiche di questa estate, che lo hanno visto peraltro uscire sconfitto da ogni sua presa di posizione, il riferimento ora e’ diretto all’assemblea politica organizzata solo da alcuni consiglieri municipali in un luogo del tutto inadatto qualora si fosse trattato di un evento politico a livello di partito. Una polisportiva locale, anziche’ un circolo, ha ospitato l’incontro al quale ha preso parte, insieme all’autonominato capogruppo Mariano Angelucci, il sub commissario Migliore. Un alone di mistero circonda l’investitura di Angeluci. A quanto risulta, le procedure per la designazione sarebbero state condotte in totale solitudine sua e dei suoi sostenitori, senza informare ne’ i circoli, tantomeno i segretari di circolo e gli iscritti del Municipio, avvalendosi di un lancio stampa. “Con stupore abbiamo appreso che nel nostro Consiglio Municipale esistono due Capigruppo del PD: il primo, Carmine Giammarini eletto dai Consiglieri nel 2013, il cui ruolo e’ depositato ufficialmente presso l’aula e la segreteria del Municipio. Il secondo, l’autonominato Mariano Angelucci. Se tale incarico risultasse reale – sottolinea Fulvio Papini, componente dell’Assemblea Nazionale e Segretario del Circolo di Torrespaccata – rappresenterebbe un metodo insolito e in evidente contrasto con le istituzioni, nonche’ una grave e profonda scorrettezza verso il Partito Locale e il nostro Circolo che evidenzia anche in questo caso un metodo autoritario e discriminatorio. In merito alla motivazione dell’assemblea si rileva che sia stato profondamente scorretto affidare la gestione dell’evento ai consiglieri municipali che rappresentano il ruolo amministrativo e non politico. Il Partito e’ infatti rappresentato dai Circoli e dai Segretari che sono l’organo politico municipale. Questa  – conclude Papini – conferma la volonta’ dei commissari di discriminare i circoli, gli iscritti e i segretari che, a termini di Statuto, sono ancora in carica fino al prossimo congresso. Inoltre, voglio sottolineare come comportamento aggravante, il rifiuto metodologico di incontrare il nostro Circolo nonostante le numerose richieste sia informali che formali da parte di Migliore”. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...