Blog

Al Muncipio VI bagno di folla per la nuova politica – Federico Salvucci

ignazio-marino-2
Al Municipio VI, bagno di folla per la nuova politica con il presidente Scipioni e l’ex Sindaco Marino ‘Oggi siamo qui per parlare di politica e di nuova politica – ha detto il presidente del Municipio VI Marco Scipioni introducendo un’assemblea estremamente partecipata –  per parlare dei problemi importanti della nostra società. Primo tra tutti, abbiamo bisogno di una nuova classe dirigente. Ma il PD non può continuare così con un concetto di democrazia che è diventato fascista. L’estromissione di Ignazio Marino e’ stato un fatto grave perché nessuno se l’e’ sentita di andare a votare in aula. Ma ora sono tutti ricandidati. E da noi abbiamo assistito alla stesso atteggiamento. Ma va detto che la democrazia si fa anche con i numeri. Prima eravamo al 17% e poi al 44% e al 62%. E noi abbiamo portato un cambiamento forte ed è per questo motivo che ci attaccano. Migliore vuole creare un solo circolo. Sta cambiando i vertici in corsa sulla base di nomine. Questa non è democrazia. Invece la nostra democrazia passa per la nostra azione di governo. Che è totalmente diverso da ciò che è stato fatto, penso si ai nostri predecessori che hanno speso 400 milioni per la vela di Calatrava  anziché dare fogne e acqua alle persone che ne hanno bisogno nelle periferie’. Tante le domande per il Sindaco Marino. ‘Io sono il vero capogruppo del PD – ha detto Nello Giammarini, capogruppo del PD al Municipio VI – non esistono altre figure. Io continuerò a lavorare come dal momento nel quale sono stato eletto a questo ruolo’. Gli ha fatto eco Fulvio Papini, coordinatore dei circoli PD al VI MUnicipio – sono fuori dal circolo al quale sono iscritto dal 1973. Uno dei circoli migliori di Roma, circolo che noi abbiamo realizzato con tanti anni di lavoro e che ora ci tiene fuori dalla porta. Io mi chiedo cosa sia diventato qui il PD’. il problema dell’accorpamento dei circoli e’ stato al centro della discussione anche di altri interventi. ‘Sono il segretario del circolo Tor Bella Monaca – Torre Angela – ha sottolineato Franco Scipioni – e anche io sono fuori dalla porta del mio circolo ora. Non si può soggiacere a questo ricatto quando noi abbiamo lavorato in tantissimi anni’ ‘Credo che si questo territorio siamo stati messi da parte perché ci siamo schierati con Ignazio Marino – ha evidenziato Livia di Pietro – per questo ci hanno fatto la guerra’. Alle domande ha poi risposto Ignazio Marino, in un discorso interrotto da applausi copiosi.
‘Grazie per questo invito e grazie per avermi già dato un’opportunità contro questa sospensione della democrazia nella nostra città – ha detto Ignazio Marino – grazie a voi sono stato eletto in una maggioranza di centro sinistra. Quando sono andati a sfiduciarmi si è costituita un’altra maggioranza non di centro sinistra. Ed è per questo che non hanno voluto venire nell’aula. La cosa più io portante penso sia ristabilire i principi democratici nella nostra città. Anche io ho ricevuto una lettera da Gennaro migliore che mi invitava a non venire questa sera. Dopo aver sentito la signora che è stata esautorata dalla sua carica da Gennaro migliore e che è la benvenuta nel PD, vorrei dire che anche lui e da poco il benvenuto nel PD. In questi primi 28 mesi dobbiamo discutere di cosa vogliamo fare insieme e mi farebbe piacere sapere cosa fare e cosa no. Io feci la scelta del pareggio di bilancio in comune. Ed è straordinario il fatto che siamo arrivati in pareggio e a votar il bilancio. Nel 2016 l’ATAC avrà i fondi. Ma ora che la città davvero poteva svoltare e potendo assorbire anche il meglio con il Giubileo alle porte. Perché si è voluto interrompere questa avventura? Oggi si ferma la metropolitana e ci sono anche le targhe alterne, in alcuni quartieri dal 21 novembre non in raccoglie l’umido. La responsabilità e’ di chi ora e’ chiuso in qualche edificio e non si è’ curato del popolo. Noi dobbiamo pensare alla Roma di domani. Noi avevamo pensato a nuovi bus, con un acquisto di circa 700. Dobbiamo cambiare le rotaie della metro A e B. Sul finanziamento del trasporto pubblico locale ho trovato in bilancio zero euro. Roma poi ha avuto 140 milioni di euro per il trasporto pubblico locale. Napoli ha 300 milioni di euro per lo stesso servizio a fronte di una superficie molto più esigua rispetto a Roma. Penso poi a Malgrotta, la più grande discarica del pianeta, l’abbiamo chiusa in 90 giorni. Penso alla differenziata che abbiamo introdotto in alcuni municipi. Non sono qui per dire che abbiamo fatto tutto nel modo migliore ma abbiamo cercato di fare il tutto secondo una nostra agenda. Ma ho molta rabbia perché ora che potevamo avere davvero i risultati – ha concluso Marino – siamo invece in uno stato di sospensione della democrazia. Penso che dobbiamo andare avanti coi nostri intenti, per il trasporto pubblico, per l’illuminazione pubblica. Non mi sento di dire cosa farò o cosa non farò ma posso dire che lavorando insieme a voi. Io il trauma l’ho subito ed in particolare quello di non avere una discussione democratica. Ora vorrei invece che tutti questi circoli fossero aperti anziché chiusi e che sia data la possibilità di dirci quali siano le priorità per le nostre famiglie e avere una città di cui essere orgogliosi.’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...