Blog

Dal 20 al 25 settembre, musica, teatro, danza e un albero simbolicamente donato al parco ‘Nicholas Green’

Metti un parco di una periferia romana. Metti poi un’associazione di giovani e talentuosi artisti, aggiungi una serie di spettacoli di teatro, danza e musica, conditi da area food e drink, area bimbi e laboratori, ed ecco ‘Opera Nova Festival’, iniziativa articolata in sei giornate dal 20 al 25 settembre al parco ‘Nicholas Green’ a Torrevecchia, organizzata dall’associazione ‘La Platea’ con il contributo di Roma Capitale e con il patrocinio della Regione Lazio nell’ambito dell’’Estate Romana’ 2016. Direttore artistico della manifestazione, Alessio Colella, classe 1987, regista e attore teatrale impegnatissimo soprattutto nella diffusione delle arti nelle periferie romane. Fittissimo il calendario degli appuntamenti previsti in cartellone. Si parte il 20 settembre alle ore 9.00 con l’apertura ufficiale dell’evento. Ai laboratori della mattina seguiranno nel pomeriggio e di sera le performances teatrali vere e proprie. Alle ore 17.00 sara’ la volta di ‘Zanni” di Alessio Colella, per proseguire con ‘Tamburo e’ voce’ di Nando Brusco e ‘Come una bestia!’ di Orazio De Rosa. Le attivita’ ludiche e i laboratori terrano banco tutte le mattine nella cornice del parco fino al giorno di chiusura con la replica di ‘Zanni’ di Alessio Colella. Le ‘maratone artistiche’ calcheranno il prato del parco ‘Nicholas Green’ ogni pomeriggio fino alla sera. Il 21 settembre alle ore 17.00 tocchera’ a ‘Bravo Pour le clown’ di Luca Morelli, poi alle 19.00 seguira’ ‘Odessa’ di Alessio Colella e a chiudere ‘Chitarra sirena’ di Enzo Amato. Il 22 settembre in programma alle 17.00 ‘Cainabele’ di Salvatore Mazza, poi alle 19.00 ‘Mario Poppins’ di Giacomo Occhi ed infine uno spettacolo di danza della ‘2 Seasons Compagnia BlakSoulz dancecrew’. Il pomeriggio del 23 ospitera’ ‘Gli Archimisti’, a seguire ‘Un dramma personale’ di Alessio Colella. La serata si concludera’ con ‘Santa delle perseguitate’ di Alfredo Traversa. A dare il ‘la’ alla programmazione del 24 sara’ invece ‘L’uomo dei finali’ di Francesco Rizzo, per poi lasciare la scena a ‘La donna che disse no’ di Pierpaolo Saraceno e a ‘Esodo’ di Ashai Lombardo Arop. Per la serata conclusiva prevista invece alle ore 19.00 la perfomance di MavenMar ‘La strana storia dell’uomo pinguino e della piccola bambola’ e ‘Roma Napoli andata e ritorno’ di e con Gino Auriuso ed Edoardo Siravo. ‘Si tratta della prima edizione del Festival – commenta Colella, direttore artistico dell’evento – ed e’ nostra precisa intenzione proseguire su questo solco. Abbiamo scelto come cornice un parco di periferia perche pensiamo che e’ qui che va portata l’attivita’ culturale. Non si puo’ determinare un’offerta che sia sempre radiale, ovvero vada nelle zone centrali oppure nelle aree a maggiore vocazione turistica. Ed ecco allora questo esperimento che prende quota, spostando l’arte direttamente nei luoghi di vita del quotidiano dalle persone. E in aggiunta a cio’ – conclude Colella – mi preme sottolineare come diventeremo parte attiva nella salvaguardia di questo parco, polmone verde fondamentale per gli abitanti dei quartieri Torrevecchia e Primavalle donando un albero simbolicamente’

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...