Blog

Roma: coordinate per una rinascita

Paralizzata. Spenta. Obsoleta. Tutti aggettivi che chiariscono le caratteristiche attuali della citta’ piu’ bella del mondo. Un processo degenerativo che si protrae da anni ma che ora sta vedendo le sue manifestazioni piu’ estreme non solo sul caso Raggi-Romeo ma anche e soprattutto sulla spoliazione di attivita’. Il caso dei licenziati di Almaviva, quello del trasferimento della TV Sky, o ancora l’allarme dato da Confartigianato con le imprese dedite solo al ‘mangia e bevi’ e ai ‘giochi’. Dati allarmanti che non sembrano interessare le stanze della politica capitolina. Solo un anno fa il pensiero sarebbe andato a quella politica fatta ormai di partiti consolidati, e invece questa volta l’allarme riguarda la mancata risposta all’appello da parte del 5 stelle. E non solo in questi giorni di frenetiche visite in Procura da parte di Raggi. Il caso di Almaviva ormai tiene banco da due mesi, quello di Sky da trenta giorni circa, e il Sindaco? A parte gli annunci, non e’ pervenuta. Non pensa forse di esser stata eletta per sostenere proprio questi romani che vedono ogni giorno di piu’ avvicinarsi il disagio? Non pensa di dover risposte anche a quelle persone in condizioni di svantaggio economico che sicuramente ignorano il passato di Marra o il ‘polizzagate’ di Romeo?

La cosa piu’ aberrante di questa parentesi pentastellata che ora volge al declino e’ la mancanza di responsabilita’ nei confronti della cittadinanza. Avremmo voluto vedere il Sindaco sostenere le ragioni dei lavoratori, dei disagiati, dei senza lavoro, degli emarginati. D’altronde un personaggio cosi polemico nei confronti degli altri partiti in tempi in cui faceva opposizione, avrebbe potuto facilmente sostenere le ragioni dei piu’ svantaggiati. E invece no. Una figura di cera in una citta’ immobile. Anzi che arretra. Una citta’ dove nemmeno le cose giuste vengono portate avanti. E’ il momento di dare una scossa. E l’esempio deve servire a tutti. Quell’etica della responsabilita’ che tanto ha permeato il pensiero degli anni ’80 e’ scomparsa. Recuperare dalle macerie i simboli di un serio agire politico, responsabile in primis verso il contesto nel quale opera, trasferirli su un piano comportamentale e dare vita ad una piccola rivoluzionaria azione, quella dell’empatia con la sofferenza, questo e’ sicuramente l’insegnamento piu’ forte che deriva dall’esperienza Raggi. Scacciare i fantasmi dell’approssimazione per abbracciare gli elementi di serieta’, correttezza, intelligenza, capacita’ gia’ dimostrate ed empatia e’ il pentalogo per cambiare. Costa un sacrificio in primis ai cittadini, che devono staccarsi dalla politica virtuale di Grillo e partecipare davvero, costa un sacrificio anche a chi, sinora vissuto all’ombra delle consorterie e della fallacia della politica spettacolo, dovra’ accettare di essere messo a nudo. Roma e’ pronta per una nuova stagione? La citta’ amministrata dai Nathan e dagli Argan non puo’ rimanere preda di un personaggio improduttivo come Virginia Raggi. E’ giunto il momento di liberarsi per dare vita ad un nuovo inizio, con in mente i lustri del passato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...