Blog

Nuova sistemazione di Largo Brindisi: il comitato di San Giovanni chiede l’attuazione della delibera del 2016

La nuova sistemazione stradale di Largo Brindisi rischia di segnare un altro grande spartiacque tra le istituzioni e la cittadinanza. Ad esporre le critiche derivanti dall’innovazione apportata nella zona compresa tra l’ingresso della fermata della metro C e via La Spezia, e’ il comitato di quartiere di San Giovanni che, in una segnalazione densa di contenuti, sottolinea i punti nevralgici della nuova disposizione di traffico. ‘Grande spazio alle auto private, poco o nessuno ai pedoni e ai ciclisti’, dicono dal comitato. I timori piu’ rilevanti sono legati all’incolumita’ del flusso pedonale dei bambini che frequentano le scuole materna ed elementare Carducci, dei ragazzi che frequentano il liceo Russel, degli utenti della Biblioteca Appia e delle Poste di via Taranto. ‘Si sta per riconsegnare una delle aree più pregiate della Capitale al consueto caos del traffico automobilistico privato. Il risultato sarà che grandi masse di veicoli privati saranno nuovamente incentivate ad attraversare il nostro quartiere, utilizzando via La Spezia come un prolungamento della Tangenziale est, per raggiungere l’Eur, Ostia e la Pontina o i quartieri del Centro storico. Eppure il Municipio VII di Roma Capitale si era espresso chiaramente nel febbraio 2016, chiedendo formalmente che l’area venisse parzialmente pedonalizzata, con una risoluzione votata quasi al’unanimità dal Consiglio municipale. E i cittadini da anni chiedono maggiori spazi per i pedoni e per il trasporto pubblico.’ In particolare, il comitato chiede che si rispetti il criterio della disincentivazione del flusso veicolare che attraversa i quartieri e inoltre che, in corrispondenza delle porte storiche si realizzino isole ambientali. ‘A nulla sono valse le petizioni (800 firme raccolte in un giorno ad aprile 2016), i progetti di pedonalizzazione discussi dal 2014 in conferenza urbanistica municipale, decine di riunioni di cittadini con commissioni municipali e comunali.  – sottolineano dal comitato -A nulla sembra essere valsa, finora, l’interlocuzione con le istituzioni comunali, che pure, a parole, sembravano aver mostrato una certa disponibilità. Oggi invece è sotto gli occhi di tutti il nuovo assetto viario, identico se non peggiore rispetto a quello di 15 anni fa.’

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...