Blog

Basilea e l’Arte illimitata – Alessandro Doro


76 progetti di vasta scala, incontri, mostre fotografiche e performances all’aperto, ecco Basilea arte e il suo ‘Unlimited’. L’edizione di quest’anno, curata da Gianni Jetzer, curatore dell’Hisrshhorn Museum and Sculpture Garden di Washington D.C., offre una vastissima serie di installazioni, con richiami dai luoghi piu’ storicamente importanti fino alle piu’ recenti produzioni dell’arte contemporanea. In circa 16.000 metri quadri di spazi espositivi, ‘Unlimited’ permette alle gallerie di avere un’unica opportunita’ per esporre le sculture monumentali, proiezioni video, pitture murali, esposizioni fotografiche e performance artistiche che trascendono il concetto dell’arte in mostra. Un esempio su tutti, ‘Cooking the world I’ in cui Sudoph Gupta ricera uno schermo realizzata interamente con utensili in alluminio. Una chiara metafora del fatto che in ogni cultura, ad ogni latitudine, il rito della preparazione del cibo e’ comune ed anzi e’ pratica rituale. E poi ancora, ‘Bliss’ di Donna Huanca, una elaborata installazione di ‘tableaux vivants’, e ‘Underwater Pavilions’ di Doug Aitken con video performance o ancora “Messages from the Atlantic Passage’ di Sue Williamson in cui si confrontano le prospettive di installazioni di vasta scala con inserimenti di bottiglie con nomi di schiavi in reti da pesca, a ricordare la tragedia dei 12,5 milioni di schiavi africani portati in America tra il 1525 e il 1866. ‘Saving the Safe’ del cubano Carlos Garaicoa invece si incentra sull’immagine potente e simbolica di una banca che custodisce al suo interno gli averi dei singoli in cassette di sicurezza. Ma ancora, opere ispirate al contemporaneo sono quelle di Park Chan-kyong, incentrate sulle vittime della guerra tra le due Coree, e di Michal Rovner, artista israeliano che introduce in una visione notturna i filmati di sorveglianza militari. “Blazon” (2015) dell’artista libanese Marwan Rechmaoui (1964) è un’installazione di tessuti che cerca di decostruire la divisione fisica e socio-politica dei quartieri e dei distretti a Beirut. Donald Moffett (1955) “IMPEACH” (2006) è un lavoro sonoro composto da dieci altoparlanti alternativi che risentono del potente discorso del congresso democratico di John Lewis, mentre difendeva il presidente Bill Clinton durante le sue audizioni di impeachment nel 1998. ‘Untitled’ con il sottotiolo ‘La nostra gente è meglio del tuo popolo’ (1994/2016) di Barbara Kruger, usa il linguaggio per tematizzare la potente influenza esercitata sul’identità umana da parte dei media e della politica, rimanendo ancora oggi molto attuale.
Sono ricomprese diverse opere storiche, tra cui ‘Movie Mural’ (1965-68) di uno dei pionieri dell’arte multimediale Stan VanDerBeek (1927-1984). Questa installazione multimediale riesamina e rivaluta l’infame ‘Movie-Drone’ dell’artista (1963-65). “Mutations I. Düsseldorf, dimostrazione primaria: 112 gesti del corpo superiore” (1970) di Klaus Rinke (1939) e’ considerata tra le opere chiave dell’arte e dell’azione artistica in Europa. L’opera, composta da 112 fotografie in bianco e nero vintage, rivela gesti attraverso varie posizioni a mano e braccio, creando così un nuovo vocabolario del linguaggio del corpo. Altre opere create negli anni ’70 comprendono Shuttle (1975), di Richard Smith (1931-2016) e ‘Pentrável Macaléia’ (1978) dell’artista brasiliano Hélio Oiticica (1937-1980) ), un’installazione interattiva composta da una struttura a griglia metallica verniciata accompagnata da elementi naturali, progettata per lasciare che lo spettatore si senta confinato o liberato all’interno dello spazio. “Big Comet 3 ° -60 °, Sky-Land-Sky” (1973) dell’artista concettuale olandese Jan Dibbets (1941) è una costruzione ad arco realizzata con stampe fotografiche dell’orizzonte e rapprsenta la piu’ grande opera realizzata dall’artista e la sola ancora a non essere ricompresa in un museo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...