Blog

Tibex: ecco la moneta complementare per i privati nel territorio romano. “È nei momenti di crisi che le novità tendono ad affermarsi. Con il convegno proposto dalla Camera di commercio di Roma propone un nuovo modo di avere relazioni tra le imprese che si scambiano lavori, servizi e beni utilizzando una moneta virtuale – ha detto il presidente della Camera di Commercio, Lorenzo Tagliavanti – Questo nuovo sistema legato al territorio – ha proseguito – nasce in un momento di crisi quando le banche sembrano non più dare credito alle imprese per questo questi strumenti stanno avendo anche sul nostro territorio un certo successo, riguardo soprattutto alle piccole imprese che sono quelle che in genere hanno maggiori difficoltà con i finanziamenti. Questo incontro mette a confronto una serie di esperienze e di personalità di questo settore affinché questi strumenti sì possano affermare anche in questa città e in questa regione. Una serie di strumenti che non sostituiscono il credito bancario, ma di certo aiuta le imprese a poter fare un incremento del loro lavoro. La moneta è già operante – ha spiegato poi Tagliavanti – oggi la presentiamo, ma nel nostro territorio ci sono già cinque milioni di euro di intermediazioni realizzate da parte di operatori che aderiscono a questo circuito”.
Alla conferenza ha partecipato anche l’ex assessore capitolino al Bilancio Andrea Mazzillo che ha spiegato: “È un cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, io personalmente feci anche una sperimentazione e la presentai al Forum PA sui crediti certificati, quindi sulla modalità di trovare delle compensazioni anche sulla parte fiscale. Adesso stiamo cercando di lanciare una nuova idea che quella di costruire un rapporto di comunità, sviluppare quindi all’interno dei territori locali delle economie che siano fortificate dalla presenza di una moneta parallela, alternativa a quella legale”. “Ovviamente – ha continuato Mazzillo – sarà una moneta che si svilupperà all’interno di circuiti interni, privatistici, associativi. Non può chiaramente trovarsi fuori quindi non può avere validità legale però rappresenta un punto di partenza per creare quelle là azioni che possono sviluppare economie sui territori. Continua ad aumentare il numero delle imprese che nel Lazio stanno aderendo al circuito TIBEX.NET. l’amministratore delegato di Tibex.net, Giovanni Ineichen, intervenuto all’incontro di oggi pomeriggio alla Camera di Commercio ha detto: “TIBEX.NET, il nuovo Circuito di Credito Commerciale del Lazio, nasce per facilitare le relazioni tra imprese, aziende e liberi professionisti che entrando nel Circuito hanno la possibilità di acquisire nuovi clienti ed abbattere parte dei propri costi di funzionamento, risparmiando preziosa liquidità, attraverso un semplice sistema di compensazione. Ad oggi il Circuito ha raggiunto quasi 400 imprese, con una movimentazione complessiva che tocca i cinque milioni di crediti tra beni e servizi e si stia espandendo in tutte le aree del Lazio, toccando le industrie e il tessuto imprenditoriale dinamico. Lo scopo di Tibex.net – ha sottolineato Ineichen – è quello di ridare impulso agli operatori economici locali, mantenendo la ricchezza prodotta sul territorio. Le imprese hanno a disposizione questo prezioso strumento in più per fare rete tra loro e per rimettere in moto il proprio potenziale inespresso. Non si tratta di un processo sostitutivo della moneta né di una forma di baratto, ma, appunto, di un sistema compensativo di crediti tra aziende dello stesso territorio aderenti allo stesso circuito, che consentirà di fare transazioni senza liquidità consentendo la crescita dell’economia locale e, alle aziende, di sfruttare il potenziale di business altrimenti non valorizzato”. Il Circuito di Credito Commerciale Tibex.net nasce nel 2014 e porta nel Lazio l’esperienza di successo di Sardex.net, il Circuito sardo ideato nel 2010.
Il successo di Sardex, con oltre 4.000 imprese iscritte sul solo territorio isolano e oltre cento milioni di crediti transitati, ha fatto sì che il suo modello potesse essere applicato anche nel resto d’Italia, al momento in undici regioni per complessivi 8.000 iscritti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...